Alcuni Lepidotteri nei dintorni del Monte Fasce (GE)

Quella di ieri è stata davvero una fantastica domenica dal punto di vista degli avvistamenti dei Lepidotteri nella zona del Monte Fasce.

20 luglio, dint. Monte Fasce
Salendo lungo la strada mi sono fermato in un punto ricco di more; smuovendo il fogliame è spuntata una falena biancastra con riflessi madreperlacei. Si tratta di una falena appartenente alla famiglia dei Pyralidae, ma non conosco la specie di appartenenza. Ogni volta che si alza in volo tende a posarsi sempre sulla pagina inferiore delle foglie, laddove si ripara da occhi indiscreti; un comportamento tipico di questa bella specie. Durante uno degli ennesimi voli erranti in cerca di punti in cui ripararsi, la falena si è ritrovata agganciata su una ragnatela. L'inaspettato evento mi ha dato l'opportunità di scattare un paio di foto, giusto prima che si liberasse da sola.

Pyralidae sp.

Pyralidae sp.

Proseguendo lungo la strada, finalmente, incontro le prime farfalle. Vicino ad una casa avvisto di sfuggita un podalirio, ma data l'altezza e la velocità dell'esemplare mi è stato impossibile fotografarlo. Poco più avanti, mi soffermo vicino ad alcuni fiori di ambretta, dove sono intenti a nutrirsi alcune Melanargia galathea ed una femmina di Thymelicus acteon.

Melanargia galathea

Thymelicus acteon

Lungo il tratto seguente le galatee si sono affermate come la specie più avvistata. In una zona priva di alberi ho osservato un bel maschio di Gonepteryx cleopatra intento a svolazzare sopra i fiori di valeriana rossa. Stranamente, non si è mai posato su tali fiori ma bensì poco distante, in mezzo alla vegetazione. Gli adulti di questa specie, come la sua congenere G. rhamni, risultano praticamente invisibili quando sono posati nel fogliame. Il traguardo della vetta è ancora lontano, quando mi fermo per una piccola pausa. Trovo molte galatee ferme sui fiori, in attesa che il cielo nuvoloso lasci qualche spazio ai raggi del sole. Una di queste ha le estremità delle ali anteriori mancanti, con un danno che risulta speculare.

Gonepteryx cleopatra

Melanargia galathea

Altri esemplari sono fortunatamente intatti. La galatea è sicuramente una delle specie più caratteristiche della campagna ligure, facile da osservare in prati, radure e margini boscosi fino ad altitudini considerevoli.

Melanargia galathea

Melanargia galathea

Melanargia galathea

Nell'ultimo tratto boscoso mi passa a fianco una grossa farfalla scura. Plana fin quasi a "schiantarsi" su una delle strisce centrali del pavimento stradale. Il vento e la particolare diffidenza dell'esemplare mi hanno dato filo da torcere, ma alla fine, sono riuscito a scattare alcune foto per documentare l'avvistamento. Si tratta di un maschio di satiro comune, Satyrus ferula. Giunto finalmente sul grande piazzale, spunta il sole. Assicuro la bici vicino ad una ringhiera ricoperta dalla vegetazione, dove svolazzano diverse brune dei prati, Maniola jurtina. Ne fotografo un maschio, prima di incamminarmi a piedi verso le antenne.

Satyrus ferula

Maniola jurtina

Nella salita, sotto il sole cocente, incontro individui di Brintesia circe quasi ad ogni metro. Con la loro apertura alare, degna di nota per la fauna italiana, sono impossibili da non notare quando sono in volo. Una volta posate tuttavia, queste farfalle sfoggiano una livrea molto criptica. Anche sui muri di cemento, il mimetismo della circe funziona a meraviglia.

Brintesia circe

Molto numerose restano sempre le galatee. Se ne possono osservare a decine sui cespugli fioriti in mezzo ai prati.

Melanargia galathea

Melanargia galathea

Proseguendo, fra le antenne televisive, incontro anche una femmina di Pieris mentre svolazza a pochi centimetri dal suolo, forse in cerca di qualche punto riparato dal sole. Sulla cima del Monte il vento soffia fortissimo, e la maggior parte delle farfalle resta saldamente aggrappata alle piante.

Melanargia galathea

Sul bordo della strada mi soffermo su altri fiori brulicanti di galatee, ma questa volta individuo un esemplare davvero speciale. Si tratta di una femmina della forma leucomelas, caratteristica per l'assenza di macchie e disegni neri sulla pagina inferiore delle ali. Per via del vento, le poche foto che riesco a fare vengono mosse. Decido quindi di catturare l'esemplare per poterlo fotografare meglio.

Melanargia galathea

Melanargia galathea f. leucomelas

Sulla via del ritorno incontro un bell'esemplare di Zygaena transalpina. Questa specie si distingue soprattutto per l'estremità delle antenne bianca. Nella zona in cui ho osservato il maggior numero di circi, provo a catturarne un esemplare per fotografare il dettaglio dell'ala posteriore, con la caratteristica fascia bianca.

Zygaena transalpina

Brintesia circe

Post Collegati

Subscribe via email

Like the post above? Please subscribe to the latest posts directly via email.

Nessun commento: